ITAENG

P

L

A

Y

E

R

Il debutto tra i professionisti arriva con i colori della propria città. Quattro stagioni intervallate dai prestiti prima al Leffe e poi al Verona, in cui inizia a farsi le ossa e a prendere confidenza con il goal. Con gli scaligeri nasce il mito di “Super Pippo”. Il ritorno a Piacenza è il preludio all'esordio in massima serie.

44 presenze - 17 gol

1991-1995

Piacenza

Acquistato dai ducali, Pippo spalanca le porte al grande calcio. Inizia qui la conta dei gol che lo porterà ad essere uno dei più prolifici marcatori di sempre nelle competizioni europee. Poco importa se di fronte abbia l’Halmstad o il Bayern Monaco, le notti europee avranno le sembianze di Pippo per quasi venti anni.

22 presenze - 4 gol

1995-1996

Parma

Nell'unica annata bergamasca, Inzaghi raggiunge la prima grande soddisfazione a livello personale: il titolo di capocannoniere della Serie A con 24 reti messe a referto in una stagione più che positiva per i colori nerazzurri, trascinati dai gol del bomber piacentino fino a metà classifica.

34 presenze - 25 gol

1996-1997

Atalanta

Il primo anno juventino coincide con la conquista del tricolore a cui Inzaghi contribuisce a suon di gol. Arriverà anche una Supercoppa Italiana e una Coppa Intertoto.
Cartolina da Champions: la rovesciata al Galatasaray.

165 presenze - 89 gol

1997-2001

Juventus

Le più recenti vittorie europee dei rossoneri portano il marchio di Filippo Inzaghi. Sia la cavalcata del 2003 che il trionfo al sapore di rivincita del 2007 devono molto ai suoi gol. Nel mezzo, uno Scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, una Supercoppa Europea e un Mondiale per Club.

300 presenze - 126 gol

2001-2012

Milan

10 anni vestiti d’azzurro in rappresentanza del proprio Paese e un grande contributo alla vittoria più attesa: la FIFA World Cup® del 2006 in Germania. Con 25 reti all'attivo, Inzaghi è al sesto posto nella classifica all-time dei marcatori della Nazionale italiana.

57 presenze - 25 gol

1997-2007

Nazionale

1991-1995

Piacenza

Il debutto tra i professionisti arriva con i colori della propria città. Quattro stagioni intervallate dai prestiti prima al Leffe e poi al Verona, in cui inizia a farsi le ossa e a prendere confidenza con il goal. Con gli scaligeri nasce il mito di “Super Pippo”. Il ritorno a Piacenza è il preludio all'esordio in massima serie.

44 presenze - 17 gol

1995-1996

Parma

Acquistato dai ducali, Pippo spalanca le porte per il grande calcio. Inizia qui la conta dei gol che lo porterà ad essere uno dei più prolifici marcatori di sempre nelle competizioni europee. Poco importa se di fronte abbia l’Halmstad o il Bayern Monaco, le notti europee avranno le sembianze di Pippo per quasi venti anni.

22 presenze - 4 gol

1996-1997

Atalanta

Nell'unica annata bergamasca, Inzaghi raggiunge la prima grande soddisfazione a livello personale: il titolo di capocannoniere della Serie A con 24 reti messe a referto in una stagione più che positiva per i colori nerazzurri, trascinati dai gol del bomber piacentino fino a metà classifica.

34 presenze - 25 gol

1997-2001

Juventus

Il primo anno juventino coincide con la conquista del tricolore a cui Inzaghi contribuisce a suon di gol. Arriverà anche una Supercoppa Italiana e una Coppa Intertoto.

165 presenze - 89 gol

2001-2012

Milan

Le più recenti vittorie europee dei rossoneri portano il marchio di Filippo Inzaghi. Sia la cavalcata del 2003 che il trionfo al sapore di rivincita del 2007 devono molto ai suoi gol. Nel mezzo, uno Scudetto, una Coppa Italia, una Supercoppa italiana, una Supercoppa Europea e un Mondiale per Club.

300 presenze - 126 gol

1997-2007

Nazionale

10 anni vestiti d’azzurro in rappresentanza del proprio Paese e un grande contributo alla vittoria più attesa: la FIFA World Cup® del 2006 in Germania. Con 25 reti all'attivo, Inzaghi è al sesto posto nella classifica all-time dei marcatori della Nazionale italiana.

57 presenze - 25 gol